Strategie educative

Le paure dei bambini: strategie educative per la famiglia

Come insegnare ai bambini a non aver paura?

Si avvicina Halloween e ti ho raccontato una storia illustrata su come da bambina esorcizzavo la paura del buio. In questo post ti descriverò le strategie educative che pratichiamo in famiglia per insegnare ai bambini ad affrontare la paura e ad essere coraggiosi.

Ti premetto che il mio obiettivo non è proporti un metodo universalmente efficace, ma confrontarmi con te sulle possibili strade da percorrere quando il tuo bambino è spaventato, descrivendoti alcuni accorgimenti che mi sono stati concretamente utili.

Le paure dei bambini: strategie educative per la famiglia

Perché il bambino ha paura? Ovviamente in questo post non mi riferisco a casi specifici legati a traumi, abusi o psico-patologie, ma alla paura come una fase naturale della crescita soprattutto dai tre ai sei anni, quando l’immaginazione del bambino diventa più fervida e i pensieri più riflessivi. È possibile che il bimbo sia convinto che ci siano mostri spaventosi nel suo armadio o dietro la tenda, oppure che alcuni oggetti assumano improvvisamente una valenza raccapricciante, come ad esempio il profilo di un abito dietro la porta.

Ciò accade perché i bambini attribuiscono “vita e coscienza” anche agli oggetti inanimati, secondo una tendenza che gli studiosi definiscono animismo infantile. Sotto l’ombrello della parola “paura” finiscono sensazioni, ansie e turbamenti che il piccino non sa spiegare perché ancora non ha un linguaggio adeguatamente evoluto, quindi spetta all’adulto rassicurarlo e fornirgli alcuni piccoli trucchi per difendersi e reagire.

  1. Innanzitutto, presta attenzione agli stimoli che provengono dai media, è vero che i nostri bambini percepiscono la tecnologia come il loro habitat naturale, ma tocca all’adulto filtrare e talvolta censurare storie e immagini inadatte alla loro età.
  2. Non sminuire MAI le sue emozioni, anche se possono apparirti buffe o ridicole, devi assolutamente rispettarle. Ad esempio prova a condividere con lui il ricordo delle tue paure infantili e svelagli il segreto di ciò che ti rassicurava. Sapere che anche tu a volte sei spaventato, lo farà sentire meno solo e imparerà che le paure vanno affrontate e i mostri possono essere sconfitti.
  3. Usa l’educazione sempre in chiave positiva, cioè abbandona quel linguaggio che instilla paura in cambio di obbedienza, ad esempio: “mangia altrimenti chiamo il lupo” oppure “se non dormi arriva il mostro”.
  4. Lascia la porta aperta, regalagli una piccola torcia, usa una luce notturna e regalagli  un pupazzetto che gli faccia compagnia, cioè offrigli un equipaggiamento per difendersi dalla paura. E se chiede di dormire nel lettone? Ovviamente queste strategie non portano un beneficio immediato, ma tutta la famiglia dovrà metterle in pratica con coerenza nel lungo periodo per ottenere la serenità del tuo bambino; quindi se ti chiede di dormire nel lettone spiegagli che il suo letto è in cameretta, ma eccezionalmente solo per quella sera sarà la mamma o il papà a fargli compagnia proprio in cameretta per insegnargli ad essere coraggioso.
  5. Esplora con lui l’ambiente: guarda negli armadi, controlla sotto il letto e se c’è un’ombra che lo confonde, mostragli a luce accesa che è solo il cappotto appeso dietro la porta. I bambini imparano giocando ed “esplorare” è una delle loro attività preferite! L’allegria smorza quel clima di terrore che si instaura con il calare del buio, distende il corpo e distrae la mente.
  6. Infine, se non è tua abitudine, raccontagli una favola e proponigli eroi positivi. So che la sera sei stanco, ma può diventare un momento distensivo per tutta la famiglia: la narrazione crea un legame di complicità tra adulto e bambino, stimola il linguaggio, favorisce la creatività ed incoraggia la curiosità.

Se desideri approfondire il tema della narrazione come momento di relazione familiare, ti segnalo il bellissimo blog di Nati per leggere, dove troverai spunti interessanti e bibliografie tematiche. Esistono molte favole che aiutano i bambini a diventare amici dei mostri, ma se ti fa piacere nel prossimo post potrai scaricare la filastrocca di Viride Saltaletto da colorare con i tuoi bambini.

E tu quali strategie usi per rassicurare i tuoi bambini?

Annunci

One thought on “Le paure dei bambini: strategie educative per la famiglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...