Scoperte

Recensione del libro “Panna nel Grande Giardino”

Panna nel Grande Giardino è un libro per bambini di circa quaranta pagine scritto da Carlotta de Melas e illustrato da Cecilia Flumian in arte Miss Cecip Art, edito da Rapsodia Edizioni nel dicembre del 2016.

Carlotta, classe ’82, è una talentuosa autrice di libri per bambini e ragazzi, mamma di Amélie, gestisce a Sanremo una libreria per piccoli lettori e organizza eventi di promozione culturale nelle scuole. Cecilia, nata nel ’92 e diplomata all’Istituto d’Arte di Grottaglie, è una giovanissima illustratrice e decoratrice pugliese.

Panna è una bambina piccolissima che vive in un tulipano rosa con la mamma e il papà nel Grande Giardino della signora Linda Fuorimano e, come tutti i bambini, fa i capricci perché non vuole riordinare i giocattoli oppure lavarsi i denti. Una mattina di primavera la scuola della Quercia Bucata resta chiusa a causa di un’invasione di polline e Panna decide di esplorare il Grande Giardino alla ricerca del dono perfetto per il compleanno della mamma.

Alcune immagini tratte dal libro Panna nel Grande Giardino di Carlotta de Melas e Miss Cecip Art

La scrittura di Carlotta mi ha piacevolmente colpito perché – a fronte della sua immediatezza adatta al pubblico infantile – offre teneri dettagli che attribuiscono tridimensionalità alla storia. Il piccolo lettore è portato ad immedesimarsi con la protagonista, a comprenderne il suo comportamento e condividere con lei desideri, incertezze e paure. La descrizione del Grande Giardino è “a misura di bambino”, allo stesso tempo fiabesco e verosimile, perché incastra una scenografia immaginaria con la storia di una famiglia come tutte le altre.

Il tono materno del racconto ci conduce a piccoli passi all’interno di uno scenario avventuroso, costellato da buffi personaggi che si concretizzano grazie alle incantevoli illustrazioni. Cecilia ha un tratto morbido e uno stile personale per nulla scontato, i giochi di prospettiva e messa-a-fuoco nei suoi disegni collocano i personaggi all’interno di scenografie stratificate mentre l’alternanza di ombre e luci conferisce emozionalità alla scena. Chiedete ai vostri bambini di guardare le illustrazioni con attenzione e scoprirete tanti piccoli dettagli divertenti, come ad esempio la forma delle nuvole o il movimento delle ali dei colibrì. Un’ulteriore nota di merito del libro è l’utilizzo del font OpenDyslexic, che migliora la leggibilità del testo da parte di lettori dislessici.

In definitiva, Panna nel Grande Giardino ci è piaciuto molto: i miei bambini hanno apprezzato la storia avventurosa e i personaggi, io ho letteralmente amato la tenerezza del racconto e il suo sottotesto che propone la genitorialità come esperienza imperfetta e avventurosa. Cosa si potrebbe migliorare? In sostanza nulla, anche se io e i miei bimbi siamo così affezionati al Grande Giardino da augurarci di leggere una seconda avventura della famiglia Romuà.

Per incuriosirti ti segnalo la pagina Facebook  e una citazione del libro:

Gli abbracci che profumano di casa, di latte caldo, di coperte, di libri di favole aperti sul comodino, di candele accese per illuminare un sorriso, di mani intrecciate come nodi perfetti, di baci sussurrati di mattina, di giorno e di sera.

Hai letto Panna nel Grande Giardino? Fammi sapere in un commento, cosa pensi di questo libro e della mia recensione, io ti aspetto sul blog e sui miei social.

Come sempre, ti saluto con la mia citazione preferita di Giovanni Rodari: «sulla luna e sulla terra fate largo ai sognatori!».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...